Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1596. Er fruttarolo

 

Che vve tastate? l’animaccia vostra?
Questo cqua nun è er modo e la maggnera1


d’ammaccamme2 accusí ttutte le pera.
Io la robba la ccome sta in mostra.

 

Sin che gguardate er peso a la stadera
e nun credete a la cusscenza nostra,
nun ciarifiàto;3 ma in che ddà sta ggiostra
che cce vienite a ffà mmatina e ssera?

 

Eppoi tante capàte4 pe’ un bajocco!
Caro quer fijjo! dàteje la zzinna.
Tenete, sciscio5 mio, succhiate er cocco.

 

Le pera auffa?6 povero cojjone!
Spassàtelo, cantateje la ninna:
Ninna li sonni e ppassa via bbarbone.7

 

26 agosto 1835

 




1 Maniera.

2 Di ammaccarmi.

3 Non ci rifiato, non replico, non mi oppongo.

4 Scelte: da capare, scegliere.

5 Cicio, nome accarezzativo a’ bambini.

6 Aufo, gratis.

7 Verso che si canta dalle madri e dalle balie romane a’ putti per addormentarli.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License