Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1597. La crudertà de Nerone

 

Nerone era un Nerone,1 anzi un Cajjostro;
e ppe l’appunto se chiamò Nnerone
pellanima ppiú nnera der carbone,
der zangue de le seppie, e dde l’inchiostro.

 

Quer lupo, quer caníbbolo,2 quer mostro
era solito a ddì nnellorazzione:
«Dio, fa’ cche tutt’er Monno abbi un testone,
pe ppoi ghijjottinallo a ggenio nostro».

 

Levò a fforza er butirro3 a li Romani,
scannò la madre e ddumojje reggine,
e ammazzò ttutti quanti li cristiani.

 

Poi bbrusciò Rroma da piazza de Ssciarra
sino a Ssanta-Santòro,4 e svenò arfine
er maestro co ttutta la zzimarra.

 

26 agosto 1835

 




1 Di qualunque uomo d’animo crudele dicesi: È un Nerone.

2 Cannibale.

3 Allude allo morte di Burro.

4 Il Santuario di Sancta-Sanctorum, alla estremità meridionale di Roma, dove si conserva il Volto-Santo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License