Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1598. Er legge e scrive1

 

E a cche tte serve poi sto scrive e llegge?
Làsselo a li preti, a li dottori,
a li frati, a li Re, all’Imperatori,
e a cquelli che jje l’obbriga la Lègge.

 

Io vedo che cce 2 ttanti siggnori
che Ccristo l’arricchissce e li protegge,
e nnun zannantro che rròtti,3 scorregge,
sbavijji,4 e strapazzà li servitori.

 

Bbuggiarà5 ssi6 in ner cor de le famijje
l’imparàssino ar piú li fijji maschi;
ma lo scànnolo grosso è nne le fijje.

 

Da ste penne e sti libbri mmaledetti
ce ttanto7 a ccapí ccosa ne naschi?
Grilli in testa e un diluvio de bbijjetti.

 

27 agosto 1835

 




1 Il leggere e scrivere.

2 Ci sono.

3 Non sanno altro che rutti, ecc.

4 Sbadigli.

5 Meno male.

6 Se.

7 Ci vuol tanto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License