Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1604. La statura

 

Te tufa1 tanto a tté ddèsse schiavetto?2
Oh gguarda! e a mmé mme pareríana sorte.
Campi co ppoco, spenni3 meno in ghetto;4
te la sscivoli mejjo da la corte,

 

nun batti all’architrave de le porte,
pòi da servitore e da ggiacchetto,
te pòi coprí cco le cuperte corte,
te pòi stenne5 in qualunque cataletto;

 

entri ar teatro cor bijjetto franco
tra ppanze e cculi; e indòve sc’è la festa
hai la patente de montà ssur banco.

 

E tte metto per urtimo guadaggno,
che ssi6 vvonno azzeccatte7 in ne la testa,
quarche sassata tua tocca ar compaggno.

 

28 agosto 1835

 




1 Ti rincresce.

2 D’esser di piccola statura.

3 Spendi.

4 In Ghetto gli Ebrei vendono vesti usate.

5 Ti puoi stendere.

6 Se.

7 Colpirti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License