Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1610. Nun c’è rregola

 

Er dolor de ggingivie è un gran zupprizzio:
ve compatisco assai, sor Ziggismonno.
Ma cce saría pericolo,1 s’è in fonno,2
che mmettessivo3 er dente der giudizzio?

 

Eh vvia, che ssarà mmai sto priscipizzio
d’anni c’avete! Mica sete un nonno.
Nun zaressivo er primoer ziconno
che l’età nnun je porti preggiudizzio.

 

Io l’ho mmesso ch’è ppoco:4 Nastasía
doppo dumesi o ttre che la sposai,
e de trent’anni lo metté Mmattía.

 

Er dente der giudizzio sce 5 assai
che vvienghi6 fora. La padrona mia
è vvecchia cucca7 e nnu l’ha mmesso mai.

 

30 agosto 1835

 




1 Ma vi sarebbe mai il caso.

2 S’è in fondo.

3 Che metteste.

4 Poco fa, poc’anzi.

5 Ci vuole.

6 Che venga.

7 Vecchia decrepita.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License