Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1612. L’accimature de la padrona

 

Se1 va a la Valle,2 , mma cchi ssa cquanno!
È attaccato, è attaccato: eh, la siggnora
la carrozza la ssempre a bbonora,
eppoi l’inchioda ggiú in cortile un anno.

 

Cosa fa adesso? Adesso se(1) sta armanno3
a la toletta; e avanti che sta mora
se facci4 bbianca e n’ariscappi fora,
ggià le ggente ar teatro se ne vanno.

 

Prima de congeggnà ttutte le stecche,
de situà li cusscinetti ar posto,
de stiracchià cquele pellacce secche

 

(tutte imprese da fasse5 d’anniscosto,6
secunnum òrdine Merchisedecche),
principia a llujjo e ttermina d’agosto.

 

30 agosto 1835

 




1 Si.

2 Al Teatro della Valle.

3 Armando.

4 Si faccia.

5 Da farsi.

6 Di nascosto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License