Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1615. La modestia in pubbrico

 

La maggior parte de le donne cqui
tutto er merito lòro e llonestà
vve lo fanno conziste1 in nun guardà
ggnisuno2 in faccia, pe nnun da .3

 

Drento casa però nun è accusí;4
e ssi nun fussi5 pe la carità,
Vergine santa mia de la pietà!,
ve diría cose da favve stordí.6

 

Pe strada scerte sciurme7 che nun piú,8
mane9 ar petto, occhi bbassi, che a vvedé
pareno ar terzo scelo10 e un po’ ppiú ssú.

 

Ma in cammera, su cquelli canapè,
scerte galantaríe, scerte vertú
da rrestà Ssantaccia11 all’abbeccè.12

 

settembre 1835

 




1 Consistere.

2 Nessuno.

3 Per non dar da dire, da mormorare.

4 Così.

5 Se non fosse.

6 Vi direi cose da farvi stordire.

7 Certi cipigli.

8 Che non potrebbero andar più oltre.

9 Mani.

10 Cielo.

11 Famosa bagascia da plebe.

12 All’a bi ci, al noviziato dell’arte.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License