Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1617. Er zervitore e la cammeriera

 

Si1 la padrona inzomma è una ggirella2
e ha ttutte le vertú dde le miggnotte,
nun ciò ggnente che ddí,3 ggioja mia bbella.
Er marito è ccontento, e bbona notte.

 

Ma vvoi nun zete dama com’e cquella,
e io nun er curier de don Ghissciotte.
Ergo dunque, siggnora cojjoncella
ve sfornerò un mijjón de mela cotte.4

 

Nun v’impostate, fijja bbenedetta.
Vedete, io ve l’avviso co le bbone:
fin che ssò vivvo io, nun ze sciovetta.5

 

Cosa ve disse io llí in quer cantone
quanno che vve sposai? «Eh sora Bbetta,
nun ze fàmo6 guastà dda le padrone».

 

settembre 1835

 




1 Se.

2 Una capricciosa, un cervellino leggiero.

3 Non ci ho niente da dire.

4 Un milione di busse.

5 Non si civetta, dal verbo civettare.

6 Non ci facciamo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License