Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1620. Quer che cce cce

 

Tutt’ar contrario de quer ch’è da .
La padroncina mia, che in quel’età
nun trova ppiú er babbeo che jje ne ,1


cià attorno un disperato e lo mantiè.2

 

Per cui, siccome su’ marito3 è er re
de tutta quanta la cojjonità,
lei sce curre4 a lo sgriggno e jje ne fa
nove parte pe llui, una pe ssé.

 

S’io me n’accorgo? Me n’accorgo ;
mma mme sto zzitto, Checco5 mio, me sto,
pe li sconcerti che ne ponno usscí.

 

E llei che nnota sta mi’6 gran vertú,
m’arigala7 oggni tanto; e io je fo8
la guardia ar cane, si mmai vienghi .9

 

2 settembre 1835

 




1 Le ne dia.

2 E lo mantiene.

3 Suo marito.

4 Ci corre.

5 Francesco.

6 Questa mia.

7 Mi regala.

8 Le fo.

9 Se mai venga su.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License