Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1621. Rifressione immorale sur Culiseo1

 

Starcate rotte c’oggi li pittori
viengheno2 a ddiseggnà cco li pennelli,
tra llarberetti, le crosce, li fiori,
le farfalle e li canti de l’uscelli,

 

a ttempo de l’antichi imperatori
ereno un fiteatro, indove quelli
curreveno a vvedé li gradiatori
sfracassasse3 le coste e li scervelli.

 

Cqua llòro4 se pijjaveno5 piascere
de sentí llurli de tanti cristiani
carpestati e sbramati da le fiere.

 

Allora tante stragge6 e ttanto lutto,
e adesso tanta pasce!7 Oh avventi8 umani!
Cos’è sto monno!9 Come cammia10 tutto!

 

4 settembre 1835

 




1 Riflessioni morali sul Colosseo.

2 Vengono.

3 Fracassarsi.

4 Essi.

5 Si pigliavano.

6 Stragi.

7 Pace.

8 Eventi.

9 Questo mondo.

10 Cambia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License