Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1627. Un inzoggno1

 

Me so2 fatto un inzoggno. Me pareva
d’èsse3 creato Papa in ner Concrave,
e mme vienissi4 avanti Adamo e Eva
a pportamme5 un bastone e un par de chiave.6

 

Poi me pareva de stà in pizzo7 a un trave,
e un omo sceco8 me dassi9 la leva;
e mme trovavo solo in d’una nave
che un po’10 mme s’arrenava e un po’ ccurreva.

 

Poi me pareva d’avé ccento bbraccia,
novantanove pe ttirà cquadrini
e uno pe ddà indietro carta-straccia.

 

Cqua ssento come un sparo de cannone;
me svejjo abbraccicato11 a li cusscini,
e in cammio d’èsse12 Papa ero un cojjone.

 

6 settembre 1835

 




1 Un sogno.

2 Mi sono.

3 D’essere.

4 Venisse.

5 Portarmi.

6 Un paio di chiavi.

7 Sulla estremità.

8 Cieco.

9 Mi dasse.

10 Talora.

11 Mi sveglio abbracciato.

12 In cambio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License