Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1628. La cremenza minchiona

 

Ch’er Papa, co l’annà ttanto bberbello1


contr’a li ggiacubbini de la setta,
se possi2 conzervà Rroma soggetta,
ciò le mi’ gran difficortà, ffratello.

 

Eh ssi fuss’io, pe cquanto?, pe un’oretta,
governator de Roma e bbariscello,3
vederebbe oggni suddito ribbello
cosa se4 chiama ar Monno aspra vennetta.

 

’Na bbrava manettata lesta lesta,
un proscessaccio, e, appena condannati,
sur carretto, e ppoi subbito la testa.

 

E ppe incúte5 a la setta ppiú ppavura,
doppo avelli accusí gghijjottinati
je darebbe6 una bbona impiccatura.

 

6 settembre 1835

 




1 Bel bello, dolcemente.

2 Si possa.

3 Bargello.

4 Si.

5 Per incutere.

6 Gli darei.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License