Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1632. Li nobbili

 

Un nobbile, o de vecchia o nnova zecca,
o vvadi1 co la scuffia o ccor cappello,
(nun zia2 detto pe ddajjene3 la pecca)
è una spesce4 d’un cane de mascello.5

 

Te ggira attorno bberbello bberbello,
te se6 strufina, t’ammusa, te lecca,
te scòtola7 la coda..., e ppe un capello8
poi te s’affiara indovazzecca azzecca.

 

E cquanno puro9 quer cagnaccio indeggno
te facci10 una carezza co la zampa,
abbada a tté,11 cche tte sce lassa er zeggno.12

 

Pe ste sorte de bbestie, Madalena,
da la quale ggnisuno se la scampa,
ecco er zolo13 rimedio: a la catena.

 

settembre 1835

 




1 O vada.

2 Non sia.

3 Per dargliene.

4 Specie.

5 Di macello.

6 Ti si.

7 Ti scuote.

8 E per un nonnulla.

9 E quando pure.

10 Ti faccia.

11 Bada a te.

12 Perché ti ci lascia il segno.

13 Il solo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License