Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1637. L’ubbidienza

 

, vveh, ccristiani, nun è vvero mica
che ppe ubbidí cce ttanta pazienza.
È un gran riposo all’omo l’ubbidienza;
e ppe cquesto in ner monno è ccusí antica.

 

Ma ssentite, ch’Iddio ve bbenedica,
che bbella verità: er Zovrano penza,
e er zúddito esiguissce; e in conzeguenza
oggnuno fa ppe ssé mmezza fatica.

 

E a cchi de noi saría venuto in testa
de pagà la dativa ariddoppiata
si1 er Papa nun penzava puro2 questa?

 

Un essempio e ffinisco. Ar teatrino
chi la sostiè3 la parte ppiú ssudata?
Dite, er burattinaro o er burattino?

 

12 settembre 1835

 




1 Se.

2 Pure.

3 Sostiene.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License