Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1641. Er vistí de la ggente

 

Nun concrude: vedete Sarafina?
Co cquella bbella su’ disinvortura
lei un straccio ch’è un straccio je figura:
se1 mette un corno e ppare una reggina.

 

A l’incontrario poi sc’è la spazzina
che, ppò pportà cqualunque accimatura,
è un pajjaccio vistito, fa ppavura,
la pijjate pe un sacco de farina.

 

S’intenne: tutto sta nne la perzona.
Chi è svérta2 com’e nnoi, la peggio robba
je s’adatta e jje sta ccome la bbona.

 

Dateme invesce un tripponaccio grosso,
una guercia, una ssciabbola, una gobba:
oggni galantaria je piaggne addosso.

 

13 settembre 1835

 




1 Si.

2 Svelta.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License