Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1645. Er boccone liticato

 

Ohé, ohé, l’hai visto quell’artóne1


che jj’ho ppassato adesso l’immassciata?2
Oh ddio che rride!3 oh cche ccommedia è stata!
T’avevi da trovà ddietr’un cantone.

 

Dico: «Sc’è mmonzú Ajjè». Ddisce: «Padrone».
E intanto la siggnora è ddiventata
una fiàra de foco, e la cuggnata
come un fojjo de carta fiorettone.

 

Sappi c’a mmé mm’ha cconfidato Nina
la cammeriera, che er monzú ffrancese
aveva da sposà la padroncina.

 

Ma la padrona, a la stracca a la stracca,
tant’ha ssaputo , cche in capo a un mese
l’ha mmesso ar punto de vortà ccasacca.

 

14 settembre 1835

 




1 Quell’uomo alto.

2 Pel quale ho adesso passato, ecc.

3 Oh Dio, che ridere!

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License