Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1646. Le man’avanti

 

Ggiú cco le mano;1 se stia fermo; e ddua.
A cchi ddico? E da capo! Ahà, ho ccapito:
savio, sor Conte, ché jje scotto un dito.
Ma ssa cche llei è un ber porco da ua?2

 

Me pare una vergoggna a mmé sta bbua3
cona zitella che nun ha mmarito.
Dunque me lassi in pasce:4 ecco finito;
e sse tienghi le mano ccasa sua.5

 

Ôoh, adesso principiamo co la gamma.6
ffinilla o nnò? Bbadi, Eccellenza,
nun ciariprovi7 veh, cché cchiamo Mamma.

 

E cche sse8 crede lei? de stà ar precojjo?9
Io co llei nun ce pijjo confidenza,
e ste su’10 libbertà mmanco le vojjo.

 

14 settembre 1835

 




1 Mani.

2 Un bel porco da uva: sozzo in grado estremo.

3 Questa storia, questa faccenda, ecc.

4 Mi lasci in pace.

5 E si tenga le mani a sé.

6 Gamba.

7 Non ci riprovi.

8 Si.

9 Al proquoio.

10 E queste sue.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License