Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1647. La Madòn de la neve

 

La Madòn de la neve è una Madonna
diverza assai da la Madòn de Monti,
da quell’antra1 viscin’a ttor de Conti
e da quella der zasso a la Ritonna.2

 

Sopra de lei m’ariccontava nonna,
fra ttantantri3 bbellissimi ricconti,
’na storia vera da restacce tonti,4
che nnun ze n’è ppiú intesa la siconna.

 

Ciovè cche un cinquagosto, a ora scerta,5
nevigò in zimetría su lo sterrato
fra vvilla Strozzi e ’r palazzo Caserta.

 

E intanto un Papa s’inzoggnò un sprennore;6
e «Vva», ssintese : «ddov’ha ffioccato
fa’ ffrabbicà7 Ssanta Maria Maggiore».

 

14 settembre 1835

 




1 Altra.

2 Al Panteon.

3 Tanti altri.

4 Da restarci attoniti.

5 Ad ora certa.

6 Si sognò, sognò uno splendore.

7 Fa’ fabbricare.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License