Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1648. Er ceco

 

Lui, prima de scecasse in sta maggnera,1


negozziava de nocchie bbell’e mmonne;2
e adesso campa cor girà la sera
vennenno lettaníe3 pe le Madonne.

 

Co ’na voscetta liggèra liggèra
incomincia a ccantà: Ccrielleisonne,
Cristelleisonne..., e cquela strega nera
de la mojje sbavijja e jjarisponne.

 

Lui scià4 ffisse da venti a ttrenta poste
a un pavoletto o dducarlini ar mese,
che ppoi tutti finischeno dall’oste.

 

Sto sceco inzomma campa d’orazzione5
come fanno li preti ne le cchiese.
Nun ve pare una bbella professione?

 

14 settembre 1835

 




1 Di acciecarsi in questa maniera.

2 Avellane, bell’e monde.

3 Venendo litanie.

4 Ci ha: ha.

5 Di orazioni.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License