Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1649. La primaròla

Sonetti 2

 

E accusí? ggrazziaddio, sora Susanna,
l’avemo arzata poi la trippettona?
Che la bbeata Vergine e SsantAnna
ve protegghino, e ssia coll’ora bbona.

 

E in che lluna state? Ah, in de la nona.
Eh, ar véde,1 si2 la panza nun inganna,
pare che nun dev’èsse una pissciona,3
ma ssarà arfine quer ch’Iddio ve manna.4

 

Ve la sentite in corpo la cratura?
Dunque bboni bbocconi, e ccamminate;
e llassate er resto a la natura.

 

Ggnente: tutte ssciocchezze. Voi penzate,
pe llevàvve5 da torno6 la pavura
quante prima de voi sce 7 ppassate.

 

15 settembre 1835

 




1 Al vedere.

2 Se.

3 Non dev’essere una femmina.

4 Vi manda.

5 Per levarvi.

6 D’attorno.

7 Ci sono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License