Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1650. La primaròla

 

Come sarebbe?! Ho da cacà un maschiaccio?
Oh ddio, commare mia, nun me lo dite;
che sti maschiacci 1 le calamite
de li guai. , ppiuttosto io nu lo faccio.

 

Io so cche cquanno lo tienessi in braccio
ggià ccredería vedello attaccà llite,
ggià schiccherasse2 ggiú cquante acquavite
cià ppadron Carlandrea drent’a lo spaccio.

 

’Na femminuccia armanco,3 poverella,
quanno me la mannassi4 la Madonna
io me l’alleverebbe a mmollichella.5

 

Un omo spesso spesso v’arimane
senz’arte e ssenza parte; ma una donna
sa ssempre come guadammiasse6 er pane.

 

15 settembre 1835

 




1 Sono.

2 Ingoiarsi.

3 Almeno.

4 Me la mandasse.

5 Me l’alleverei accuratamente a mio modo, secondo il mio cuore.

6 Guadagnarsi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License