Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1655. Le lode tra ddonne

 

Anime sante! come s’è stregata1


quela Bbibbiana! E mme se cquer tono.
Che schifenza! Nun pare, co pperdono,
una coda de gatto scorticata?

 

Ggià, nun è stata mai ggnente de bbono:
l’ho vvista in vita sua sempre sguajata:
ha avuta sempre una gran brutta occhiata:
puro,2 prima... Ma adesso? te la dono.

 

Magra ppiú d’una tèmpora, pellosa,
cona bbocca d’abbisso, d’un colore
tra la ruta, la scennere e la rosa...

 

E sse ar monno3 chi cce fa l’amore?
E sse trova er bonomo che la sposa?
Ce un stòmmico proprio da dottore.4

 

19 settembre 1835

 




1 Sciupata, decaduta.

2 Purtuttavia.

3 E si trova al mondo.

4 Medico: uno stomaco da medico.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License