Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1659. Un pavolo bbuttato

 

Che tteatri! Accidenti a sta puttana
d’Argentinaccia e cquanno se sprofonna.1


Stà2 ssur un banco una nottata sana3
pe ggòdese4 le furie d’una donna!

 

Io, sentenno quer nome de Ggismonna5
sur bullettone a Pporta settiggnana6
la pijjai, com’è vvero la Madonna,
pe la sora Ggismonna la mammana.7

 

C’avevo da sapé cche sse trattassi8
de sti mortòri e tutte ste magaggne
de li secoli arti e dde li bbassi?

 

Lo fo ddiscíde9 a vvoi, lo fo ddiscíde.
Che! A la commedia sce se va ppe ppiaggne?10
A la commedia sce se va ppe rride.11

 

19 settembre 1835

 




1 Quando si sprofonda.

2 Stare.

3 Intiera.

4 Per godensi.

5 Gismonda di Mendrisio: tragedia di Silvio Pellico.

6 Porta Settimiana.

7 Lucia Gismondi, detta Gismonda, notissima ostetrica di Roma.

8 Si trattasse.

9 Decidere.

10 Ci si va per piangere?

11 Per ridere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License