Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1660. L’amore de li morti

 

A sto paese tutti li penzieri,
tutte le lòro carità ccristiane
ppe li morti; e appena more un cane
je se smoveno tutti li bbraghieri.1

 

E ccataletti, e mmoccoli, e incenzieri,
e asperge, e uffizzi, e mmusiche, e ccampane,
e mmesse, e ccatafarchi, e bbonemane,2
e indurgenze, e ppitaffi, e ccimiteri!...

 

E intanto pe li vivi, poveretti!,
gabbelle, ghijjottine, passaporti,
mano-reggie, galerre e ccavalletti.

 

E li vivi poi-poi,3 bboni o ccattivi,
cquarche ccosa mejjo de li morti:
nun fussantro4 pe cquesto che ssò vvivi.

 

19 settembre 1835

 




1 Si mettono tosto in faccende.

2 Mance.

3 Alla fine de’ conti.

4 Non foss’altro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License