Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1665. Le visscere der Papa

 

, llingue de tenajje1 mmaledette,
, vvaripèto che Nnostro Siggnore
è un omo... ciovè, un Papa de bbon core.
Ve l’aripèto, e nnun ce levo un ette.2

 

Nun zentite le cose che promette?
Nun vedete che rrazza de dolore
tiè ssempre in quela faccia? e cco cche amore,
quanno che Iddio le , ffa le vvennette?3

 

Per esempio: ve pijja un accidente?
Súbbito lui v’intona una diasilla,
e ssi mmorite poi4 nun disce ggnente.

 

, er zu5 piascere è de sentí cchi strilla;
ma ddisidera er male de la ggente
pe addoprà la vertú de compatilla.

 

22 settembre 1835

 




1 Lingue da tanaglie, malediche.

2 Non ne tolgo un jota, nulla.

3 Vendette.

4 E se al contrario morite.

5 Il suo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License