Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1671. La notizzia de bbona mano1

 

Ma io de sta notizzia ve ne posso
scòla a vvoi e a ttutto er Criminale.
Io sta notizzia la so da un canale
che nun sbajja: la so dda un pezzo grosso.

 

La poterà ssapé er gammero rosso?
ddí una bbuggiarata un cardinale?
Dunque quanno parl’io, soro stivale2
nun c’è da fàmme3 tanti conti addosso.

 

Su’ Eminenza l’ha ddata ar cammeriere:
er cammeriere l’ha ddata ar decano;
e ’r decano a la sposa der cucchiere.4

 

E cquesto, che ll’ha intesa da la sposa,
l’ha ariccontata all’oste, e a mman’a mmano
l’ho avuta fresca io com’una rosa.

 

24 settembre 1835

 




1 Di buona fonte.

2 Signor stivale.

3 Da farmi.

4 Cocchiere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License