Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1673. L’affari de la finestra

 

«Sai ggnente, commàr Rosa, indove stanno
le quarantóra?» «, ccommarAggnesa;
ma adesso chiamo la sora Terresa,
che cce vaggni matina tutto l’anno.

 

Sora Terresa, dite un po’, in che cchiesa
stanno le quarant’ora?» «Ehée, lo sanno
puro1 li gatti. A la parrocchia; e vvanno
a Sammarco, viscin’a la Ripresa».

 

«Grazzie, sora Terresa». «E de che ccosa?
Saría bbella! me faccio maravijja:
commannateme2 puro,(1) sora sposa».3

 

«Bbe’, pperché, Aggnesa, nun me viènghi a ppijja4
che cciannamo5 po’ insieme?» «Eccheme,6 Rosa».
«Sora Terresa, addio». «Bbon giorno, fijja».

 

25 settembre 1835

 




1 Pure.

2 Comandatemi.

3 Sposa, pronunciato coll’o chiuso.

4 Non mi vieni a pigliare.

5 Ci andiamo.

6 Eccomi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License