Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1674. La bbòtta der zor Pippo

 

Te ggiuro, Anna Maria: quanno er padrone
se1 vortò a bboccasotto su cquer letto,
e cquel cirusicaccio mmaledetto
se messe2 a pprincipià l’operazione,

 

me fesce un’impressione, un’impressione
che mme sentii com’una bbòtta in petto:
me s’appannò la vista, e ffui costretto
d’arrèggeme3 tremanno a un credenzone.

 

Nun bisoggnava èssommini4 ma ssassi
pe vvedé sfraggellajje, poverello!,
tutt’er confin de li paesi bbassi.

 

Quer mascellaro5 sce ficcò er cortello,
che ppareva, per cristo, che ttajjassi6
’na fetta de cularcio o de scannello.

 

25 settembre 1835

 




1 Si.

2 Si mise.

3 Di reggermi.

4 Essere uomini.

5 Macellaio.

6 Tagliasse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License