Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1686. Er zervitore marcontento

 

La sorte de chi sserve, sor Cremente.
Se1 fatica, se tribbola, se suda,
e cquanno credi avé spuggnato Bbuda,
un carcio in faccia e nun hai fatto ggnente.

 

Lei la ccotta e cquello la ccruda:
chi tte sbarza a llevante e cchi a pponente.
Sortanto in questo penzeno uguarmente,
ner mannà ssempre la famijja iggnuda.

 

Eh sse fa ppresto a ppredicà er giudizzio.
Pe cconossce un cristiano in ner cimento,
bbisoggna intenne2 che vvò ddí sservizzio.

 

Nun dormí cquasi mai, maggnà l’avanzi,
ingiustizzie e bbirbate3 oggni momento,
schiattà4 in eterno e ppijjà ffiato a scanzi.

 

29 settembre 1835

 




1 Si.

2 Intendere.

3 Sgridate.

4 Faticare.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License