Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1687. Er passaporto der milanese

 

Smira! «In nome de Smira»!1 E sta parola
che ddiavolo siggnifica, Bbastiano?
T’assicuro da povero cristiano
ch’io nu l’ho intesa che sta vorta sola.

 

Smira! Bbisoggna cche llà a Mmilano
abbino in ner discorre2 un’antra3 scòla.
So cch’io sto Smira me s’intorza in gola
come fussi,4 per dio, scera de grano.5

 

Quanno li Turchi dicheno volìra,
dìra, fascìra,6 oggnuno li capissce
ma sfido er monno de spiegà sto Smira.

 

Vino nun ddí ccerto;7 e mmanco pane.
Dunque ch’edè8 sto Smira? Uhm, già ffinissce
ch’è cquarche nnome da mettésse9 a un cane.

 

29 settembre 1835

 




1 In nome di S.M.I.R.A.

2 Abbiano nel discorrere.

3 Un’altra.

4 Fosse.

5 Cera di grano. Con riverenza, «lo sterco umano».

6 Volere, dire, fare.

7 Non vuol dire certamente.

8 Che è.

9 Da mettersi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License