Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1690. La luscerna

 

Pio, fa’ er zervizzio, attizza un po’ cquer lume,
ché nun ce vedo ppiú mmanco er lavore.
Me pare de stà in grotta a sto bbarlume:
me sce viè un male: me se serra er core.

 

Hôoh, llaudata la lusce der Ziggnore!
Via, nu l’arzà ppoi tanto, ché ffa ffume...
Bbona notte, sor Pio. Dar fosso ar fiume:
semarimasti tutti d’un colore.

 

Tuta,1 va’ a ccérca2 un zorfarolo, lesta,
che llappicciamo cqui ddrentar marito.3
Fa’ cco ggiudizzio, veh:4 bbada a la testa.

 

Indove sei?... da’ cqua... Ma, Ttuta, Pio,
che vve fate llaggiú? Bbe’, bbe’, ho ccapito:
da cqui avanti però smoccolo io.

 

1°ottobre 1835

 




1 Gertrude.

2 Va’ a cercare.

3 Dentro al caldanino, o, come in Roma dicesi comunemente, scaldino.

4 Vedi, avverti, sai, ecc. È un modo di ammonizione.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License