Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

46. Maggnera vecchia pe ttiggne la lana nova

 

Jerzéra1 er mi’ padrone co cquer callo
vorze1a annà a l’accademia tibburtina,1b
pe ssentí a rescitàna rajjatina
d’un Zomaro che cqui ccanta da Gallo.2

 

Avanti a ’na garafa de cristallo,
tra dducannéle2a de ceraccia fina,
se messe2b quer cazzaccio in cremesina2c
a inzeggnà a ttiggne er rosso, er nero, er giallo.

 

Pe ddà mmejjo a la lana oggni colore
cià un zegreto quer fijjo de puttana,
che lo saggni regazzo de tintore.

 

Ma ddicheno che llantra settimana
je l’abbi commannato un Monziggnore,3
discenno: «Tocca a vvoi, sor bona-lana».

 

1830 - De Peppe er tosto

 

 




1 La sera de… 1830.

1a Volle.

1b Tiberina.

2 Il già Luigi Gallo servente dell’ospedale di San Giovanni, oggi Marchese del Gallo per virtù di regola del 5, cioè da furti.

2a Candele.

2b Ci mise.

2c In sommo grado.

3 Monsignor Niccola Nicolai.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License