Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1692. La vesta

 

Eppoi nun ho rraggione si1 mminquieto!
Guarda che strappi tiè ddietr’a la vesta!
Messa jjeri! Nun pare, bbrutta cresta,
che ssia ita a inzurtà tutto Corneto!

 

Eccheje er filo e llaco: animo, lesta,
e ssarinnacci subbito arreto.2
Nun za llei che indovoggi scentra un deto,3
in cap’a un giorno o ddua scentra la testa?

 

Che sso... ffussimo armeno4 ggente ricche,
bbuggiarà!5 E de sto passo chi sse6 trova
che tte vojji sposà? Mmanco Bberlicche.

 

Io so che quanno prese7 vostro padre
me fésceno una vesta; e ancora è nnova
sibbè8 ffussi uno scarto de mi’ madre.

 

ottobre 1835

 




1 Se.

2 dietro.

3 C’entra un dito.

4 Almeno.

5 Alla buon’ora.

6 Si.

7 Presi.

8 Sebbene.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License