Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1693. La visita de comprimento

 

Se ?1 Nnun zapería,2 dico, è ppermesso
de poté ariverí la sora Lilla?
Cosa dirà cche vviengo a ffavorilla
e a ddajje sto disturbo propiadesso?

 

Anzi, Bartolomeo sempre me strilla
che vviengo a incommidalla accusí spesso.
Ma io nun je do udienza; e ar temp’istesso
me sapeva millanni de stordilla.

 

E er zusiggnor conzorte che jje scrive?
Uh! è mmorto?! E cche vvò ffà? cce ppascenza.
E le pupette3 sue 4 ancora vive?

 

E llei in che mese sta? Ggià sta in ner quarto?!
Bbadi, c’adesso curre5 un’infruenza
che ttuttequante moreno6 de parto.

 

2 ottobre 1835

 




1 Si può?

2 Non saprei.

3 Le bambine.

4 Sono.

5 Corre.

6 Muoiono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License