Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1694. Er congresso tosto1

 

Tuttiquanti a Ppalazzo lo vederno.2
Un gran Ministro d’una gran Potenza3
venne a Rroma a pparlà cco SsuEminenza
er Zegretar-de-Stato de l’isterno.

 

Er Cardinale preparò un quinterno
de carta bbianca, e ppoi je diede udienza;
e cce tenne una gran circonferenza4
sopra a ttutti l’affari der governo.

 

Tra llòro se5 trattò dder piú e der meno;
e scannajjorno6 l’ummido e l’assciutto,
er callo e ’r freddo, er nuvolo e ’r zereno.

 

Arfine er Cardinale uprí la porta,
discenno:7 «Evviva, è ccombinato tutto:
ne parleremo mejjo un’antra vorta».

 

2 ottobre 1835

 




1 Il Congresso importante.

2 Lo videro.

3 Il Conte di Rigny, Ministro della Marina di Francia.

4 Conferenza.

5 Si.

6 Scandagliarono.

7 Dicendo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License