Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1695. L’abbozzà1 de li secolari

 

Stamo ubbidienti, rispettosi, quieti,
contenti prima e ppiú ccontenti doppo,
tutto quer che vve pare; ma li preti,
sor Don Craudio, da noi ne vonno troppo.

 

ttroppi2 farisei, troppindiscreti,
ner parlà vvanno troppo de galoppo,
hanno troppe bbuscíe,3 troppi segreti,
ttroppi deggni d’assaggià lo schioppo.

 

Ma ssi4 cc’è in paradiso un PadrEterno,
lòro a sto monno sce li tiè ppe sseme
de le rape dell’orto de l’inferno.

 

Cos’è? ccosa ve dite, sor Don Craudio?
Anneremo a l’inferno tutti assieme?
Ebbè, mmale cummune è mmezzo gaudio.

 

3 ottobre 1835

 




1 La sofferenza.

2 Sono troppo, ecc. In tutti i casi la parola troppo è dai Romaneschi accordata in genere e numero col nome a cui va congiunta.

3 Bugie.

4 Se.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License