Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1696. Er francone tutto-core

 

Me maravijjo assai: lei me fa un torto.
Perché sti comprimenti, sor Giuvanni?
Questa è ssuriverèa:1 lei me commanni:
lei è er mi’ bbon padrone e vvivo e mmorto.

 

Puro2 lo sa er rispetto che jje porto,
lo sa cche jjapprofesso obbrighi granni:
lei me manni a l’intíbbodi,3 me manni,
me pareràna spasseggiata all’orto.

 

Ma cche ddisce; je pare! se figuri!
Ggnente, minchionerie, tutte ssciapate:
io pe sservilla sfonnería li muri.

 

Lei se fidi de : llei pe imbassciate
dormi4 li sonni sui quieti e ssicuri,
e vvederà cchi è Ppeppe l’Abbate.5

 

3 ottobre 1835

 




1 È sua livrea.

2 Eppure.

3 Agli antipodi.

4 Dorma.

5 L’Abate: soprannome.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License