Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1698. Er passa-mano

 

Er Papa, er Visceddio, Nostro Siggnore,
è un Padre eterno com’er PadrEterno.
Ciovè1 nun more, o, ppe ddí mmejjo, more,
ma mmore solamente in ne l’isterno.

 

Ché cquanno er corpo suo lassa er governo,
l’anima, ferma in ne l’antico onore,
nun va nné in paradiso né a l’inferno,
passa subbito in corpo ar zuccessore.

 

Accusí ppò vvariasse2 un po’ er cervello,
lo stòmmico, l’orecchie, er naso, er pelo;
ma er Papa, in quant’a Ppapa, è ssempre quello.

 

E ppe cquesto oggni corpo distinato
a cquella indiggnità,3 ccasca dar celo
senz’anima, e nun porta antro4 ch’er fiato.

 

4 ottobre 1835

 




1 Cioè.

2 Così può variarsi.

3 Dignità.

4 Altro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License