Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1700. Checchina1 appiccicarella2

 

Díteme, è vvero o nnò, ssora Checchina,
quer c’ho ttranteso pe cciarabbottana,3
che vvolete da una canzoncina
sur gusto d’un zonetto a la romana?

 

Fijja, e ssippuro4 sto una sittimana
penzanno inzin’a ssabbito a mmatina,
che vvolete che ffacci?5 Una funtana
acqua ve la ddà, mma nnò ffarina.

 

Voi co cquer par d’occhietti da Serena,6
che ssò vvaga7 de pepe, oggni perzona
v’immagginate de mettélla8 in vena.

 

Ma io, prima che abbi la furtuna
de cantà in povesia, la mi’ canzona
ha da ssceggne9 dar monno de la luna.

 

4 ottobre 1835

 




1 Francesca.

2 Facilmente affezionabile e gentilmente accarezzatrice.

3 Ho trainteso per cerbottana.

4 E seppure.

5 Che faccia.

6 Pronunziato con entrambe le e strette.

7 Sono grani.

8 Di metterla.

9 Scendere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License