Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1705. Bbrutti e scontenti1

 

Hanno oggnun de li dua la su’ magaggna.
Cattiva mojje e ccattivo marito.
Lui sempre muto e vve commanna a ddito;
e llei strilla oggnisempre e vve se maggna.

 

Lui fa er rondone2 pe ppiazza de Spaggna:3
lei sempre se ne va ccor zupatito.4
Inzomma, scerti5 mòbbili, è ffinito,
er Ziggnore li fa, ppoi, l’accompaggna.

 

Nun pòi crede6 che rrazza de gammone7
se pijjeno8 e cco cche ddisinvortura,
quela saràca9 e cquer palamidone.10

 

Eppuro,11 ortre che mmetteno pavura,
ddufrutti oramai for de staggione,
un tantino passati de cottura.

 

8 ottobre 1835

 




1 Sgarbati.

2 Va in ronda, si aggira.

3 Ove sino a recentissimi tempi è stato l’asilo delle meretrici, per la immunità goduta dai ministri di Spagna.

4 Drudo.

5 Certi.

6 Non puoi credere.

7 Ansa, libertà.

8 Si pigliano.

9 «Donna adusta», detta così da un pesce salato, conosciuto col nome commerciale di salacca.

10 Palamita. Qui vale «uomaccione».

11 Eppure.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License