Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1710. La vista curta

 

«Come sta, Nnino, la commar Celeste
«Pe stà1 sta bbene, ma cquellocchi cani
j’hanno tanto infarzito, sor Oreste,
che mmanco ariconossce li cristiani.2

 

V’abbasti a ddí cche prima de ste feste
un giorno sott’all’arco de pantani
pijjò un par de somari co le sceste3
pena coppia de frati francescani».

 

«Ma mme dichi davero o mme canzoni
« È vvangelio: duasini bbadiali4
li bbattezzò ppe ffrati bbelli e bboni».

 

«Dunque, o all’occhi nun cià5 ttutti sti mali,
o cquer giorno che vvedde6 li torzoni
lei guardava le cose co l’occhiali».

 

10 ottobre 1835

 




1 Per istare.

2 Cristiani, vuol dire: «uomini» .

3 Ceste.

4 Tanto-fatti, grandi e grossi.

5 Non ci ha.

6 Vide.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License