Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1711. L’entróne1 der teatro

 

Er ber zentí2 è la folla de paíni,3
quanno ch’essce la folla da la Valle.4
«Chi è cquella?». «Bbenemio,5 cche ppar de spalle!
Guarda sta vecchia come spaccia inchini!».

 

«Ecco ecco er novo duca Sceserini.6
Chi appoggia?». «Ohé, vve piasce quelo sscialle?
Ggià mme capite...». «Oh ddio quanto ggialle
ste regazze!... E pperché? Nu l’indovini?».

 

«La Contessa stasera sta in brillanti».
«Di’ ffonni de bbicchieri». «Uh, vvedi vedi:
passa la scuffiarina. E mmamma avanti!».

 

E intanto che ssaspetta la carrozza,
tra er gioco de le mane e de li piedi
la Compaggnia de San Martino7 abbozza.8

 

10 ottobre 1835

 




1 L’androne.

2 Il bel sentire: il bello udire.

3 Giovani alla moda.

4 Teatro di Roma.

5 Esclamazione di piacere e di desiderio.

6 Vedi il Son…

7 Messieurs les cocus.

8 Usa prudenza e soffre.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License