Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1714. La pietra de carne

 

Mojje mia mojje mia, che ha rriccontato
che ha rriccontato er medico ar padrone!
Ggnente meno ch’è usscita un’invenzione
d’un certo sor Girolimo Segato,

 

ir quale sor Girolimo ha ppijjato
tanti pezzi de carne de perzone,
e ccià ffatto a Bbelluno un tavolone
tutto quanto de màrmoro allustrato.

 

Senti, Vincenza, e nnu lo 1 a ggnisuno:
volémo méttese2 un fardello addosso
e zzitti zitti annàccene3 a Bbelluno?

 

Chi ssa, Vvincenza mia, che cquer ziggnore
nun fascessi4 er miracolo ppiú ggrosso
d’impietritte5 la lingua uguale ar core?6

 

13 ottobre 1835

 




1 Non lo dire.

2 Vogliamo metterci.

3 Andarcene.

4 Non facesse.

5 D’impietrirti.

6 Come il cuore.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License