Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1716. Er principio

 

Ne l’entrà ccor messàle in zagristìa
e nner ridallo1 ar chirico Mazzola,2
dico: «Cosa ddí,3 ppadre Mattia,
In principio eratverbo?» «Eh sor Nicola»,

 

disce er frate, «in che ddà sta fantasia?».
(e bbasciava la crosce de la stola).
Dico: «Ebbè ddunque?». Disce: «Andiamo, via,
ddí cchera in principio una parola».

 

«E sta parola che ccosera?», dico.
Disce: «Era inzomma quer ch’era a un dipresso
la santa riliggione a ttempantico».

 

Dico: «E cchi sse n’intenne de sti guai?
Ner principio era una parola, e adesso
è un chiacchierà cche nun finissce mai!».

 

17 ottobre 1835

 




1 Nel ridarlo, nel renderlo.

2 «Chierico Mazzola», dicesi per ischerno ai chierici delle sagristie.

3 Vuol dire.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License