Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1717. Er parto de la mojje de Mastro Filisce

 

Bbasta, a fforza d’erlíquie1 e ddaggnusdei
sopr’a la panza, arfine stammatina
verzo diesciòra2 ha ppartorito Nina,
e ha fatto un maschio ppiú ggrosso de lei.

 

Dico la verità, ssora Ggiustina,
io n’ho ffatti a sto monno ventisei,
ma pprima d’ariassiste3 ppiú ccolei
ne vorebbe arifà ’n’antra duzzina.4

 

Se5 discorre che cquella craturaccia
doppo novora6 de prèmiti e ddojje,
s’è appresentata ar búscio7 co la faccia.

 

Llí immezzo, díllo tu, Mmastro Filisce,
quer gruggnetto der fijjo de tu’ mojje
nun pareva un’immaggine in cornisce?

 

18 ottobre 1835

 




1 Di reliquie.

2 Verso dieci ore.

3 Di riassistere.

4 Ne vorrei rifare un altra dozzina.

5 Si.

6 Nove ore.

7 Si è presentata al buco.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License