Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1718. La donna gravida

 

Io nun zo ccosa v’annate scercanno
co l’arzà ttutter giorno tanti pesi.
Nun zapete che state in zette mesi?
Ve volete sconcià ccome l’antranno?

 

Ggià ssete avvezza in quell’antri paesi
dove se porta lo spadino e ’r panno;1


ma cqui ccerte fatiche nun ze fanno:
cqua nnoi semo romani e nnò arbanesi.

 

Quest’aria nun è aria da villani.
Noi nun zemo facchini, io ve l’ho ddetto:
noi pe ggrazzia de ddio semo romani.

 

Er crima nostro è un crima bbenedetto
indove oggi te scarmi?2 ebbè ddomani
sta’ ppuro scerta3 che tte metti a lletto.

 

19 ottobre 1835

 




1 Nelle terre delle provincie più vicine a Roma usano le donne di raccoglier le treccie attorno a un lungo spillo di argento, chiamato spadino, e di coprirsi il capo con un panno di lino ripiegato in varie foggie.

2 Ti scalmani.

3 Sta pure certa.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License