Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1720. Cattive massime

 

1 mmassime cattive. Nun me piasce
a mmé de véde2 disprezzà la ggente.
S’ha da trattà cco ttutti ggentirmente
chi li su’ ggiorni li vive in pasce.3

 

Fijja, a sto monno un omo ch’è ccapasce
de un sgarbo a un antromo, è un inzolente,
è un screanzato, nun merita ggnente,
è un omo da sfuggí ccome la bbrasce.4

 

Perché cquello va in chiesa la matina
rubbanno quarche orloggio o ffazzoletto
c’entra de stajje5 a ffà ttanta marina?6

 

Bbisoggna compatillo, poveretto.
Cosa disce er proverbio, sora Nina?7
«Ama l’amico tuo cor zudifetto».

 

24 ottobre 1835

 




1 Sono.

2 Di vedere.

3 Li vuol vivere in pace.

4 La brace.

5 Di stargli.

6 Gridargli tanto addosso.

7 Signora Caterina.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License