Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1725. Er caval de bbronzo

 

E ddàjjela cor trotta e ccor galoppa!1


Io v’aritorno a ddí, ppadron Cornelio,
ch’er famoso caval de MarcUrelio
un antro po’ ccasca de quarto o schioppa.2

 

Er zor Don Carlo Fea, jjeri, e nun celio,
ce stava sopra a ccianche3 larghe in groppa,
e strillava: «Si4 cqua nnun zarittoppa
se5 va a ffà bbuggerà ccom’un Vangelio».6

 

L’abbate aveva in mano un negroscopico7
e ssegguitava a urlà ppien de cordojjo:
«Cqua cc’è acqua, per dio! questo è rritropico».8

 

Disce inzomma che llunica speranza
de sarvà MarcUrelio in Campidojjo
è er fajje una parèntisi9 a la panza.

 

novembre 1835

 




1 E dàgli, e seguita a dire che trotta e che galoppa.

2 Poco mancava che cadesse, ecc., o scoppiasse.

3 Gambe.

4 Se.

5 Si.

6 Cioè: «veramente, senza dubbio».

7 Microscopio.

8 Idropico.

9 È il fargli una paracentesi, ecc. Difatti, il famoso cavallo erasi col tempo riempiuto di acqua e minacciava di crollare. L’abate Fea, commissario vigilantissimo delle antichità, vi fece riparare.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License