Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1727. Le smammate1

 

Díllo, visscere mie de ste pupille:
di’, ccore, chi vvò bbene a Mmamma sua?
Uh ffijjo d’oro! E cquanti sacchi? Dua?
Dusacchi? E Mmamma sua je ne mmille.

 

No, bbello mio, nu le toccà le spille:
sta’ attenta, sciscio,2 che tte fai la bbua.
Oh ddio sinnóe! Oh ppòvea catúa!3
S’è ppuncicato la manina Achille!

 

Guarda, guarda er tettè,4 ccocco mio caro...
Bbe’, er purcinella, ... Nno, er barettone...5
Ecco la bbumba,6 tiè... Vvòi er cucchiaro?

 

Ôh, zzitto llí, cché mmó cchiamo bbarbone,
e vve fo pportà vvia dar carbonaro
che vve metti7 in ner zacco der carbone.

 

3 novembre 1835

 




1 Smancerie, vezzi di madre.

2 Cicio: parola vezzeggiativa.

3 Oh dio signore, oh povera creatura! (che il popolo dice cratura). Queste parole sono qui scritte senza la r, perché così in Roma si suol parlare ai bambini.

4 Cane.

5 Berrettone.

6 Bumba, è pebambini «tuttociò che si bee».

7 Vi metta.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License