Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1728. La colómma1 de mamma sua

 

Nun è vvero, commare, che sta fijja,
pperch’è ffijja mia, ma è un pezzo d’oro?
Ôh in questo tanto, pe ssarvà er decoro,
è inutile, ggnisuno l’assomijja.

 

Checca, nun fo ppe ddí, cchi sse la pijja,
nun è vvero, Luscía?, trova un tesoro.
Nun conossce antro2 che ccasa e llavoro;
pare inzomma una madre de famijja.

 

Pe ddivozzione poi!... C’è Ffra Ssincero
che vorebbe sonajje le campane.
Che angelo, eh commare? nun è vvero?

 

Lei je facci una ruzza co le mane,
e vvederà ssi3 ne capissce un zero.
Eh, a ccasa nostra nun ce 4 pputtane.

 

novembre 1835

 




1 Colomba.

2 Altro.

3 Se.

4 Non ci sono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License